25-26-27.1.2021

Per la Giornata della Memoria

In collaborazione con il “Premio Paolo Borsellino”

Tre giorni dedicati alla “Giornata della Memoria” con tre testimoni speciali.

Tre Eventi in piattaforma, due dei quali riservati esclusivamente ai nostri studenti.

Lunedì 25.1.2021

Lo Storico Luigi Guerrieri incontra i nostri studenti

Lo Storico Luigi Guerrieri incontra i nostri studenti delle Classi 4eA e 4eH per una riflessione approfondita e coinvolgente sulle radici storiche dell’antisemitismo, sui processi politici, ideologici, economici, psicologici, sui conformismi e gli interessi che hanno creato le condizioni della Shoah. Una riflessione che è ancora più urgente oggi, di fronte alla crescente ondata antisemita e razzista, veicolata attraverso i social, e che il Premio e l’Associazione Falcone Borsellino con la presidente Gabriella Sperandio fortemente promuovono.

Alimentare una lettura critica della Storia, comprendere le ragioni e la genesi degli accadimenti è sempre più indispensabile perché i nostri studenti non rimangano ai margini di questa insopprimibile Memoria e perché siano protagonisti nel Presente, portando un messaggio di Inclusione e di Umanità nel loro quotidiano.

Con il contributo delle proff. Rosa De Fabritiis, Renata Di Iorio e Rossella Cioppi e dei Docenti di Storia attraverso i nostri Laboratori di Legalità.

 

Martedì 26.1.2021

Lo Storico Andrea Sangiovanni incontra i nostri studenti

Secondo appuntamento nell’ambito della “Giornata della Memoria” in collaborazione con il Premio Nazionale Paolo Borsellino e l‘ Officina della Legalità.

Andrea Sangiovanni, docente di Storia Contemporanea all’Università di Teramo, studioso dei processi di costruzione delle culture politiche e degli immaginari collettivi, con particolare attenzione al ruolo dei media, ha coinvolto studenti e docenti del nostro Istituto in una appassionante narrazione sulle radici storiche e culturali che sono all’origine della Shoah.

Un excursus che, partendo dalla seconda metà dell’800, ha toccato le teorie della razza e le politiche coloniali, il ruolo non subalterno dell’Italia nella persecuzione ebraica, l’organizzazione scientifica dello sterminio durata anni. Per poi accennare alle ragioni anche psicologiche dell’antisemitismo e di ogni razzismo, ai meccanismi che sono alla base della paura dell’alterità e diversità, della diffidenza, dell’odio verso le minoranze.

Un incontro coinvolgente e ricco, che ha affrontato la Memoria della Shoah sul piano storico, descrittivo e riflessivo, completando così quella dimensione emotiva che è sempre fondamentale ed imprescindibile.

 

Mercoledì 27.1.2021

Gli scrittori Lia Tagliacozzo e Massimiliano Smeriglio incontrano i nostri studenti

Si conclude la nostra maratona della Memoria con due testimonial eccellenti dal pensiero chiaro e preciso e dalla grande capacità di coinvolgere, gli scrittori: Lia Tagliacozzo e Massimiliano Smeriglio. I nostri studenti li hanno incontrati on line sulla piattaforma di “Officina della Legalità” nell’ambito del Premio Nazionale Paolo Borsellino.

L’incontro è stato preceduto dalla lettura di una pagina di Hanna Arendt sulla “banalità del male”, a cura del prof. Edoardo Oliva, attore di rara intensità e regista teatrale.

Fare Memoria è difficile perché non bisogna solo ricordare, ma trasmettere un pensiero chiaro e preciso che possa proporre dei nuovi comportamenti.

 

RASSEGNA STAMPA